Go to Top

Fotovoltaico

Energia pura direttamente dal sole
I sistemi fotovoltaici permettono di convertire la radiazione solare in energia elettrica, sfruttando l’effetto indotto da un flusso luminoso che investe un materiale semiconduttore, il silicio. Il modulo fotovoltaico trasforma l’energia luminosa in corrente elettrica.
Essa viene diretta verso l’inverter per la conversione e l’immissione in rete. In questo modo, abbiamo a disposizione una fonte energetica infinita che garantisce un risparmio immediato e un concreto contributo alla difesa dell’ambiente.
Due tipi di impianti fotovoltaici
SU EDIFICI, sono impianti realizzati in modo complanare alla superficie su cui sono stati installati.
NON INTEGRATI sono impianti realizzati a terra o su superfici piane.
Straordinari incentivi
Grazie al conto energia è possibile beneficiare per 20 anni di tariffe incentivanti, diversificate in base alla potenza installata e alle caratteristiche tecnologiche. Ottimo investimento Lo sfruttamento della tecnologia fotovoltaica,unita agli incentivi statali, non solo consente di recuperare l’investimento iniziale in tempi brevi,ma addirittura di guadagnare
dal proprio impianto. Ecco perche’ il fotovoltaico oggi e’ l’unico investimento che ha una rendita certa.
Riduzione delle emissioni di CO2
Con la produzione di energia tramite la tecnologia fotovoltaica è possibile evitare l’immissione in atmosfera di 0,531 kg di anidride carbonica per ogni kWh prodotto.

Funzionamento Fotovoltaico

Impianto fotovoltaico “chiavi in mano”
SosCasa avrà cura di seguire per il suo cliente, in modo meticoloso e attento, tutte le pratiche burocratiche e di garantire un acesso semplice agli incentivi, nel più breve
tempo possibile. Il servizio ha quindi l’obiettivo di non generare stress alla committenza e di garantire quindi la consegna di un impianto pronto all’ utilizzo, che verra’ installato solamente da personale qualificato SosCasa.
Dismissione amianto con riqualificazione fotovoltaica

Pericolosità dell’Amianto
La Pericolosità dell’amianto dipende dal grado di libertà delle fibre, ossia dalla capacità dei materiali di rilasciare fibre che possano essere inalate; la presenza in sé di amianto, non è di fatto pericolosa, lo diventa ogni qual volta le fibre vengano sprigionate nell’ aria, per effetto di qualsiasi sollecitazione (lavorazioni, vibrazioni, correnti d’aria, infiltrazioni di umidità).
Essendo l’absesto un materiale fibroso e friabile è facile che le mini particelle di cui è costituito (dell’ordine di millesimi di millimetro), una volta inalate, vadano a concentrarsi nei bronchi, negli alveoli polmonari, nella pleura, provocando danni irreversibili ai tessuti.
Per quanto riguarda la pericolosità dovuta all’ingestione dell’amianto, l’OMS ha dichiarato nel documento redatto nel 1994 “Direttive di qualità per l’acqua potabile” che “non esiste alcuna prova seria che l’ingestione di amianto sia pericolosa per la salute” e quindi “non è stato ritenuto utile stabilire un valore guida fondato su delle considerazioni di natura sanitaria, per la presenza di questa sostanza nell’acqua potabile”. Gli effetti nocivi che si manifestano a seguito dell’inalazione di amianto sono dovuti all’instaurazione di meccanismi patogenetici di natura irritativa, degenerativa, cancerogena.
Perchè sostituire all’ amianto un impianto fotovoltaico?
L’ installazione di impianti fotovoltaici su capannoni agricoli ed industriali oppure su coperture di tettoie o ripari attrezzi da oggi è molto conveniente. Infatti sfruttando l’extra incentivo riconosciuto dal quarto conto energia, a partire dal 1° Giugno 2011 è riconosciuta una tariffa aggiuntiva di 0,05 € per ogni Kwh prodotto dall’impianto oltre al normale contributo Gse e al risparmio in bolletta.
GREENECO si impegna a diffondere su tutto il territorio di competenza la possibilità con l’attuale conto energia di
eliminare una sostanza pericolosa per la salute pubblica e contribuire, grazie alla tecnologia fotovoltaica, ad un uso più razionale dell’energia e alla riduzione della bolletta energetica. La riduzione delle emissioni di gas ad effetto serra rappresenta una priorità di GreenEco da sempre impegnata a dare il contributo per il raggiungimento
degli obiettivi del protocollo di Kyoto. Tra le tecnologie che possono rapidamente ridurre consumi energetici, bollette ed emissioni ci sono, senza dubbio, gli impianti fotovoltaici. Il nuovo conto energia prevede un extra-incentivo pari al 0.05 euro a Kwh prodotto dall’ impianto oltre al normale contributo GSE e al risparmio in bolletta per impianti realizzati su edifici in sostituzione di coperture in eternit, o comunque contenenti amianto. Il meccanismo rappresenta una straordinaria occasione per la bonifica dell’amianto presente sulle coperture dei capannoni industriali o agricoli.

Leave a Reply