Go to Top

Impianti di condizionamento

Le esigenze di condizionamento ambientale possono essere estremamente differenti a seconda del tipo di ambiente domestico che si intende climatizzare. In base alle proprie esigenze, è possibile scegliere tra condizionatori, climatizzatori, deumidificatori, purificatori d’aria o apparecchi di climatizzazione completi che riuniscano tutte le funzioni suddette.

E’ facile che non si abbiano le idee troppo chiare sulle caratteristiche di tali apparecchiature; va innanzitutto puntualizzato che climatizzatore e condizionatore non sono sinonimi e non indicano lo stesso tipo di apparato.

I condizionatori raffreddano l’aria ma non ne gestiscono il ricambio e non deumidificano l’ambiente.

I climatizzatori permettono il riciclo dell’aria, la filtrano e la purificano mediante filtri che eliminano odori e particelle sospese nell’aria. Sono in grado di deumidificare e, in alcuni casi, possono anche riscaldare.

Ci sono poi i deumidificatori, che assorbono l’umidità dall’aria e possono, eventualmente, essere utilizzati per agevolare l’asciugatura del bucato in bagno o in altre stanze, e i purificatori, che si limitano a eliminare dall’aria la polvere, i pollini, lo smog e altre particelle che possono risultare nocive per l’apparato respiratorio e non sono in grado di modificare la temperatura dell’aria trattata.
Alcuni apparecchi di climatizzazione, come già accennato, possono riunire le funzioni di deumidificazione e purificazione a quelle di raffrescamento e riscaldamento dell’ambiente ma hanno, ovviamente, costi più elevati giustificabili solo da una reale esigenza.

Salvo esigenze particolari, la scelta più frequente è quella del climatizzatore, di tipo fisso o portatile, che, per caratteristiche, offre, a prezzi accessibili, elevata funzionalità.
Climatizzatori fissi

[funzionalità dei climatizzatori fissi] I climatizzatori fissi consentono di gestire le condizioni bioclimatiche di ambienti di qualsiasi dimensione variando la potenza degli apparecchi installati e il numero degli elementi. Consentono di regolare il livello della temperatura, dell’umidità e di purificare e, se ben posizionati e proporzionati, non necessitano dell’installazione di una singola unità per ogni ambiente.

I climatizzatori fissi possono essere di tipo monosplit, cioè dotati di un solo apparecchio, o multisplit, cioè muniti di due o più apparecchi, anche se l’utilizzo dei multisplit non è consigliabile negli ambienti domestici dove difficilmente le unità vengono azionate tutte contemporaneamente.

Sono costituiti da due elementi: un’unità interna, l’evaporatore, preposto all’aspirazione dell’aria dall’ambiente e alla successiva fase di deumidificazione e raffreddamento, e una esterna, il compressore, deputato allo scarico dell’aria calda sottratta all’ambiente verso l’esterno.
L’evaporatore costituisce l’unità interna che mette in circolo l’aria trattata. Il compressore è invece l’unità esterna, non deve mai essere posizionato alla luce diretta del sole e può essere unico nel caso di impianti multisplit. I due elementi sono collegati da un tubo attraverso il quale scorre il fluido refrigerante.

Proprio perché il compressore viene montato all’esterno dell’ambiente domestico, tale tipo di impianto garantisce grande silenziosità tuttavia i costi di installazione possono essere abbastanza elevati per cui è consigliabile farsi fare un preventivo da un tecnico specializzato per valutare se il budget a disposizione può essere sufficiente a coprire le spese.

Oggi la scelta di un climatizzatore fisso può adattarsi a tutte le esigenze di spazio; esistono climatizzatori a parete, a soffitto, ad angolo, a pavimento o a incasso. Quelli a incasso costituiscono la soluzione ideale in quei condomini in cui, per motivi di interesse storico, non sono ammesse unità di climatizzazione esterne.

In fase di costruzione o di ristrutturazione degli ambienti, è consigliabile considerare l’installazione di un climatizzatore con pompa di calore per la produzione di aria calda nel periodo invernale.

Gli impianti a ventilconvettori, meglio noti come fan-coil, invece, sono costituiti da elementi alimentati ad acqua capaci di produrre un flusso d’aria forzata, per mezzo del ventilatore di cui sono equipaggiati, ed emettere sia aria fresca che calda.

Leave a Reply